Close

Il Quartiere

IMG_3492Villa Gordiani è un parco archeologico di Roma, situato presso il III miglio della via Prenestina, che contiene i resti di una vasta villa patrizia, tradizionalmente identificata con quella della famiglia imperiale dei Gordiani, che diede tre imperatori romani del III secolo, Gordiano I, Gordiano II e Gordiano III.

Il nome Villa Gordiani viene dato attualmente anche al quartiere limitrofo.

Il complesso è citato dalle fonti antiche; secondo la Historia Augusta (Gordiani, xxxii.1-3), aveva un portico di duecento colonne, con cinquanta colonne di marmo della Caria, cinquanta di porfido rosso, cinquanta frigio e cinquanta numida. Oltre alle altre strutture, come le basiliche, le fonti antiche ricordano le terme come tra le più belle di Roma e senza eguali nell’impero.

All’interno del complesso venne costruita, a metà del XIII secolo, Tor de’ Schiavi, che poggia su strutture antiche. Nel 1422, la zona divenne possedimento dei Colonna.

Il parco che fu istituito col piano regolatore del 1931 e fu riqualificato negli anni 1960, è propriamente detto Parco archeologico di Villa Gordiani, e si divide in due settori, separati dalla via Prenestina: sia Tor de’ Schiavi sia il Mausoleo dei Gordiani sono sul lato sinistro della strada consolare.

La villa patrizia, tuttora interrata nella quasi totale interezza per motivi di preservazione, sembra essere il nucleo più antico del parco archeologico, addirittura precedente all’insediamento della famiglia imperiale dei Gordiani. Non è stato possibile, tuttavia, datarla con precisione in parte perché la costruzione fu soggetta a più rifacimenti ed ampliamenti nel corso del tempo ed in parte perché uno studio sistematico ed approfondito della villa non è stato mai interamente condotto.

Tra i resti del complesso, si ergono i resti dell’Aula Ottagonale, un edificio romano del III secolo a.C., probabilmente un ninfeo, a base ottagonale e con aperture rotonde per l’illuminazione interna. La cupola, rotonda e a sesto piano, era riempita con anfore per alleggerirne il peso.

Nel XIII secolo vi fu innalzata una torre, sostenuta da un grosso pilastro cilindrico e sul quale erano appoggiate le scale che portavano a vari piani.

La torre venne adibita a torre di avvistamento e nel 1347 le truppe dei Colonna, provenienti da Palestrina alla volta di Roma per combattere contro Cola di Rienzo, si accamparono in questa zona. Nel 1422 i Colonna la acquistarono.

Nel 1571 la torre divenne proprietà della famiglia di Vincenzo Rossi dello Schiavo e da questi prese il nome di “Tor de’ Schiavi”.

(Tratto da Wikipedia)

IL SITO E' IN FASE DI TEST - Non è ancora possibile effettuare prenotazioni